Nelle ultime settimane ha fatto successo la notizia di Michele, il pizzaiolo marchigiano che, trasferitosi a Copenaghen dieci mesi fa, ha avviato il progetto Bike&Bake. La sua pizza sta facendo impazzire tutti. Anche la regina Margrethe nel giorno del suo compleanno, ha deciso di deliziarsi il palato con la pizza di Michele! A Spasso con Elena, come sempre, non si accontenta di leggere l'articolo sul giornale, ma deve ogni volta andare a conoscere i protagonisti che si celano dietro queste nuove. Ho deciso così di chiamare Michele per concordare un appuntamento. In questo articolo mi occuperò di raccontarvi di lui, delle sue esperienze professionali, e del suo progetto a Copenaghen, cercando di riassumere in una pagina le quasi tre ore di chiacchiere che ci siamo fatti!

Michele è un ragazzo con un'immensa curiosità e un vasto interesse per il territorio: in ogni dove cerca infatti di esplorare i luoghi, tenendo sempre ben presente che il rapporto personale con la gente è qualcosa di fondamentale. Gli studi universitari in comunicazione turistica e ambientale, integrati a specializzazioni in giornalismo, enogastronomia ed ospitalità hanno negli anni dato vita ad una figura altamente professionale e competente. Fin dai tempi del liceo, Michele si è recato all'estero per soddisfare la sua sete di conoscenza nei confronti del diverso, del nuovo. Grazie a progetti universitari, scambi culturali e viaggi volontari, ha vissuto in Regno Unito, Finlandia, Stati Uniti, Nuova Zelanda e Danimarca. Le sue molteplici esperienze hanno sempre avuto come comune denominatore un alto grado di esposizione internazionale, nonché una grande passione per il viaggio e l'integrazione, e più nello specifico del suo mestiere, un forte interesse per le materie prime locali, e per il rapporto personale con i produttori. Tra i progetti più importanti non posso non menzionare l'Associazione Ambasciatori Territoriali nell'Enogastronomia – Marche, fondata nel 2009 da Michele insieme ad altre figure specializzate.

Bike and Bake
Bike&Bake nella Piazza del Municipio, a Copenaghen.

Bike&Bake è un progetto a cui Michele ha iniziato a lavorare lo scorso novembre e che oggi esiste grazie alla creazione di una bicicletta a quattro ruote. Su questa è stata realizzata una struttura che permette non solo la cottura della pizza, ma anche la conservazione di tutti gli ingredienti e l'immagazzinamento di tutti gli strumenti necessari alla sua elaborazione. Bike&Bake nasce dall'amore per la condivisione e si fa specchio dell'aspetto sociale danese offrendo una pizza fatta con ingredienti locali di primissima qualità. Il lavoro di Michele conta infatti sulla costante ricerca dell'ingrediente locale di migliore qualità, che culmina con la creazione di un piatto di origine italiana integrato all'offerta alimentare danese. La bicicletta è stata scelta perché non vi è mezzo che meglio rappresenti la cultura eco–friendly danese, e soprattutto copenaghese. In città la bici è il mezzo di trasporto più utilizzato in assoluto. Bike&Bake ha quindi pensato bene di adattare il suo progetto alla cultura del luogo. La bicicletta è stata realizzata a Christianshavn, nel quartiere del vecchio porto commerciale, da un visual designer danese, che ha personalizzato il mezzo in base ai gusti e alle esigenze di Michele.

La bicicletta è stata progettata nel rispetto delle norme igieniche in vigore, tanto che risulta interamente disinfettabile, grazie all'installazione di un piano d'acciaio facilmente lavabile. Anche il legno attorno è stato trattato in modo tale da poter essere pulito. Il forno a legna è stato realizzato in Sicilia e conta di una pietra vulcanica con isolamento in acciaio. Tutto ciò converge in un peso di 120 Kg, che raggiunge i 350 con Michele, l'attrezzatura e tutti gli ingredienti. Il forno e la superficie in acciaio sono protetti da una struttura in policarbonato, che si identifica nell'amato stile danese delle cucine a vista.

La giornata tipo di Michele inizia presto in mattinata in un ristorante, dove ha a disposizione lo spazio frigo e la cucina, in cui procede all'elaborazione degli impasti e delle varie preparazioni. Dopo aver inserito il materiale pronto all'uso nel termo box della sua bicicletta, condizioni climatiche permettendo, parte alla volta del centro città. Il luogo in cui si posiziona varia di giorno in giorno, e viene aggiornato, per il momento, nella pagina facebook, ma presto anche nella pagina ufficiale, in via di definizione. Una volta posizionatosi nel luogo scelto e portato il forno a temperatura, Michele comincia a servire le pizze, tenendo conto di poterne infornare due per volta.

Il menu di Bike&Bake offre le seguenti pizze: "Margrethe", la margherita; "Sirenetta", la marinara con le acciughe; due pizze del giorno, per cui vengono utilizzati gli ingredienti di stagione (chiamatesi quindi anche pizze stagionali); e la pizza dolce a base di cioccolato, cannella e nocciole tostate. Oltre alla pizza, Michele ha conseguito l'autorizzazione dall'antico borgo di Stacciola, in provincia di Pesaro e Urbino, per cucinare anche la Crescia d'la Stacciola, focaccia preparata dalla comunità di Stacciola.

pizza
Pizza con i funghi. Deliziosamente bella.

A questo punto, con l'acquolina in bocca, non ci rimane che correre ad assaggiare queste delicatezze, e lasciarci sedurre dall'abilità di Michele nel capire i gusti e le preferenze altrui.

BUON APPETITO!