Il clima in Danimarca è un argomento ultra dibattuto tra i residenti stranieri nel paese e anche dai danesi stessi. L'inverno è rigido, ostile, non tanto per le basse temperature, ma per il vento che soffia gelido e per l'oscurità, e sembra non terminare mai. Quando arriva l'estate, però, si dimenticano d'un tratto tutte le improvvise docce d'acqua piovana subite sulla sella della propria bici; il buio dei pomeriggi invernali trascorsi a casa davanti alla tv, al cinema o in qualche calda caffetteria; gli strati di maglioni indossati per osare metter piede fuori dalla porta di casa e via dicendo. Con l'arrivo dell'estate, l'intero paese si trova, seppur per un breve periodo, al culmine della sua meraviglia.

Via Gammel Mønt.
Via Gammel Mønt.

</p>

Copenaghen pullula di eventi, le strade non sono mai deserte e le acque dello stretto dell'Øresund, su cui parte della città si affaccia, fungono da immensa piscina all'aperto per chiunque abbia voglia di fare una nuotata.
L'alta stagione in Danimarca si estende approssimativamente tra l'inizio di luglio e le prime due settimane di agosto. Questo è il periodo migliore per visitare il paese e godere delle sue bellezze. Nonostante ciò, sono sempre molti i danesi che decidono di partire per raggiungere un'altra meta e l'Italia è una delle loro destinazioni più ambite in Europa.

I danesi che rimangono in Danimarca sono soliti trascorrere le loro ferie nella casa estiva al mare. Molte di queste, che sono oggi vendute come residenze per tutto l'anno, vengono affittate qualche settimana in estate a prezzi astronomici. Ci sono 200.000 case vacanza nel paese e più di 40.000 possono essere affittate. Nelle vicinanze di Copenaghen, ce ne sono molte sulla così chiamata "Strada della spiaggia" (Strandvej), che si affaccia per tutta la sua lunghezza sullo stretto del Mar Baltico.  Il boom delle case estive esplose negli anni '60-'70 quando l'economia danese stava migliorando e molti desideravano una seconda casa vicino al mare. Questa nuova consuetudine venne vista anche come un modo per incentivare il turismo e creare più posti di lavoro. Ebbe così inizio la trasformazione di zone rurali, di campi e di fattorie in ville estive. Inoltre, il sabato divenne un giorno non lavorativo e questo permise di usare le case anche nei weekend. Le prime erano semplicemente di legno e misuravano all'incirca 40-50 mq. Contavano di due piccole camere da letto, un'area soggiorno, una piccola cucina e un bagno. Dagli anni '80, però, i proprietari hanno cominciato a sentire l'esigenza di trovare lo stesso confort della loro prima casa nella seconda, così queste ultime hanno iniziato ad ingrandirsi e ad essere più trendy, ospitando anche piscina, spa, arredamento di design, grandi cucine con lavastoviglie e grandi bagni.

Luce fino a tardi: d'estate il sole sorge attorno alle 4 del mattino e tramonta verso le 22:30.

Percorrendo la Strandvej oggi, si ha la possibilità di osservare il vario paesaggio architettonico costituito da queste ville di lusso. Numerose sono quelle con vista sul mare, che distano di poco dalla costa. Nel 1977 una legge proibì la costruzione di case a meno di tre chilometri dalla costa. Per questo motivo vediamo oggi anche uno sviluppo edilizio nella parte più interna del territorio.

Per comprare una di queste case bisogna avere cittadinanza danese, ma il ministero della giustizia è solito concedere dei permessi anche a chi non ce l'ha ancora, tenendo in considerazione la vita famigliare e finanziaria dell'eventuale acquirente.
Per affittarle invece, non ci sono ostacoli, oltre ai prezzi astronomici. Tedeschi e norvegesi sono coloro che affittano maggiormente nella stagione estiva.

Copenaghen e i suoi dintorni non offrono solamente la possibilità di una vacanza a base di sole, mare e spiaggia, ma si addicono a innumerevoli altre esigenze. Trovate qui di seguito alcuni suggerimenti:

♥ Visita ai Castelli della Selandia: una gita verso il nord dell'isola è una splendida opportunità che combina l'interesse storico-artistico con la voglia di godere della natura e dello stare all'aria aperta. Il castello di Frederiksborg si situa infatti in un grande giardino (una parte barocca con i suoi parterres alla francese e una parte romantica con vegetazione fitta e impetuosa). Il castello di Kronborg si trova nelle vicinanze di un accogliente porticciolo che si addice perfettamente ad una pausa pranzo o gelato in totale relax. Molto valida l'idea di raggiungere questi siti (o di percorrere parte del tragitto per raggiungerli) in bicicletta.

I giardini del castello di Frederiksborg.
I giardini del castello di Frederiksborg.

♥ Una giornata all'aria aperta a Copenaghen: sono molti i parchi in città in cui ci si può distendere per prendere il sole (consiglio, tra gli altri, il parco di Frederiksberg, il parco del castello di Rosenborg e il Giardino botanico) e molte le zone in cui si può fare il bagno, come per esempio in prossimità dell'Opera, nel quartiere di Christianshavn, ma soprattutto a Islands Brygge dove dal 2002 si trova uno dei quattro stabilimenti balneari della città. Qui ci sono cinque piscine, due dedicate ai bambini, due da cinquanta metri per il nuoto e una per i tuffi con vari trampolini. Inoltre, per godere di una prospettiva differente della città, è possibile noleggiare un kayak oppure fare un giro in battello.

I giardini di Frederiksberg.
I giardini di Frederiksberg.

♥ Un pic-nic nel bosco: ideale non solo per sfoggiare il cesto e la tovaglia, a quadri bianchi e rossi, più belli, ma anche per vivere l'atmosfera di un luogo incantato, habitat di animali e piante. Un'avventura da favola per i più piccoli che possono incontrare gli scoiattoli Cip e Ciop e il cerbiatto Bambi. Un pic-nic nel Parco dei cervi, a Klampenborg, è una vera emozione. Il parco ospita anche il Castello dell'Ermitage e Bakken, il parco divertimenti più antico del mondo.

Dyrehaven, il Parco dei cervi.
Dyrehaven, il Parco dei cervi.

♥ Un barbecue al lago: in Danimarca ci sono circa 120.000 laghi che coprono una superficie più vasta di 100 mq. Il lago funge oggi come zona ricreativa ed è uno dei tipici luoghi da raggiungere in vista di un barbecue in famiglia o tra amici. E' permesso fare grigliate in prossimità di un lago e spesso si trovano postazione idonee alla cottura delle varie vivande. In Danimarca è anche molto comune avvalersi del grill usa e getta, disponibile nei supermercati e nelle stazioni di benzina. Uno dei miei laghi preferiti e che consiglio vivamente è il lago Furesø.

Il lago Furesø, visto da Virum.
Il lago Furesø, visto da Virum.

Se siete in procinto di organizzare una vacanza in Danimarca, non dimenticatevi di controllare gli eventi dell'estate. Copenaghen e i suoi dintorni ospitano ogni anno innumerevoli festival. E' il caso, tra gli altri, del Festival del Jazz, che, iniziato lo scorso venerdì 3 luglio, offrirà una vasta gamma di concerti e performance fino al 12 luglio.

Un'altra cosa che non potete dimenticare di fare è contattare me così potrò darvi tantissime altre informazioni!

Il nuovo completo da corsa. Grazie a Byke Ciclismo Tricolore.
Il nuovo completo da corsa. Grazie a Byke Ciclismo Tricolore.

Buone vacanze!